sabato 7 marzo 2009

I punti Shu antichi (dei 5 elementi)

Descrizione

Chiamati anche "punti antichi", "punti dei 5 elementi" oppure "punti di comando".
Si trovano tutti al di sotto dei gomiti e delle ginocchia, poiché è qui che l'energia scorre più vicino alla superficie, inoltre in queste zone il potenziale energetico lungo i canali cambia molto rapidamente.
Questi punti esercitano un forte effetto sul corpo quando vengono utlizzati per riequilibrare o turbare gli schemi energetici di un individuo.
Possono essere utilizzati per interrompere il flusso del Chi lungo un meridiano, oppure per curare incrementando la quantità di energia nel meridiano oppure infine drenando via gli eccessi energetici.

I punti Shu sono in totale 5:

1) Punti Jing (Pozzo)

I punti Jing appartengono all'elemento Legno per i meridiani Yin e all'elemento Metallo per i meridiani Yang.

Si trovano all'inizio o alla fine del meridiano, alle estremità delle dita delle mani e dei piedi. Possono essere paragonati al zampillio di un corso d'acqua.
È nell'area in cui si trovano questi punti che avviene la conversione dell'energia Yin e Yang; in questi punti l'energia è molto instabile pertanto il loro utilizzo è estremamente potente.
Questi punti dissipano il Vento e il Calore.

2) Punti Yong (Sorgente)

Punto Fuoco > Meridiani Yin
Punto Acqua > Meridiani Yang

Si trovano vicini ai punti Jing, in un'area in cui l'energia scorre più velocemente, come una sorgente che sprizza fuori dalle rocce. Sono chiamati anche "punti dell'accelerazione dell'energia" e possono essere utilizzati per aumentare o diminuire la quantità di Chi nel meridiano.
Possono essere usati per raffreddare i disturbi legati al calore; insieme ai punti Jing sono usati per drenare gli eccessi di Chi.
In presenza di condizione Shi (Eccesso) , vengono trattati prima i punti locali e poi i punti distali Yong e/o Jing.
Questi punti possono essere anche utilizzati come punti di "ricarica".

3) Punti Shu (Torrente)

Punto Terra > Meridiani Yin
Punto legno > Meridiani Yang

La loro funzione è di eliminare l'energia negativa dal Meridiano, specialmente quella generata da condizioni di Vento e di Umidità. A questo scopo si possono usare i punti Shu e i punti Yong.
Sui meridiani Yin, il punto Shu è anche il punto sorgente dello Yuan, in cui lo Yuan Qi (il componente fisiologicamente attivo dello Jing) può essere utilizzato per reintegrare e rafforzare l'energia vitale di un organo o di un meridiano.

4) Punti Jing (Fiume)

Punto Metallo > Meridiani Yin
Punto Fuoco > Meridiani Yang

In questi punti l'energia può essere deviata dal Meridiano.

5) Punti He (Mare)

Punto Acqua > Meridiani Yin
Punto Terra > Meridiani Yang

In questi punti il Chi penetra in profondità nel Meridiano, passando attraverso gli organi interni. Pertanto questi punti possono essere utilizzati per impedire all'energia patogena di scendere in profondità, e anche per riequilibrare l'organo associato.
I 3 meridiani Yang del braccio (TB, SI e LI) hanno un rapporto con i loro organi interni più remoto rispetto a quelli degli altri Meridiani con i rispettivi organi interni.
Perciò esiste un punto supplementare per ognuno di essi che si trova sulla gamba e si chiama punto He inferiore.
Questo punto viene usato per trattare gli organi ad esso associati (ad esempio per il Colon, ST37 viene usato come punto He inferiore).

Nessun commento:

Posta un commento